theroverbanner1giugno2014psd.jpg
RobertPattinsonMoms

Maps to the Stars – Cronenberg talks about Maps with straight.com/Cronenberg parla del film con straight.com

by on mar.28, 2014, under articoli dal web, Interviste, Maps to the Stars, movies/film, Robert Pattinson

Image and video hosting by TinyPic
Stralcio da : Cronenberg on the “Cronenbergian”
di Allan MacInnis , 27 marzo 2014

Maps to the Stars e altri progetti futuri

Torniamo a quella domanda circa il contenuto Cronenberghiano di Maps to the Stars , riformulandola leggermente : il film contiene elementi di “body horror” ,il sottogenere “a base di carne” di cui Cronenberg è visto come pioniere ?

“Per me , tutti i miei film sono molto “carnosi”, risponde . “Sono anche molto divertenti . Delle persone mi hanno chiesto quando farò una commedia , e io rispondo: “Ma se non faccio altro!” E poi, se ci pensate , qual è la cosa più comune che si riprende in un film ? E ‘ il corpo . E ‘ il volto umano . Quindi, per me , tutti i miei film si occupano del corpo , non importa quale . Penso che A Dangerous Method si focalizzasse davvero molto sul corpo. Anche se i corpi sono spesso sotto un sacco di vestiti , c’è un modo in cui gli abiti sono pensati in quel periodo per modellare il corpo , per nascondere il corpo , per rappresentare la serietà , motivo per cui [ per esempio ] si indossa un cappotto nero . “

Per quanto riguarda Maps, Cronenberg è bravo con la suspense , anche nelle interviste , fa il vago, ma alla fine dà una risposta – “Direi che secondo me Maps to the Stars ha veramente moltissimo di me . E ‘anche molto Bruce Wagner , che ha scritto la sceneggiatura , ma mi ci sono voluti dieci anni per riuscire a realizzarlo , quindi devo dire che, ovviamente, c’era una spinta forte per me, per non farmelo scappare. Ho provato diverse volte a realizzarlo , e alla fine l’ho fatto. Che altro posso dire ? Avevo davvero bisogno di fare quel film. “

E aggiunge: “ E ci sono certamente alcune scene orribili . Alcune sono solo terribili emotivamente ,bada . Lo dico, solo . Ma penso che troverete che ci sono anche alcuni momenti del corpo abbastanza buoni” .

************************************************************

Excerpt from: Cronenberg on the “Cronenbergian”

by Allan MacInnis on Mar 27, 2014

Maps to the Stars and other upcoming projects

Let’s return to that question about the Cronenbergian content of Maps to the Stars, rephrasing it slightly: does it contain elements of body horror; the visceral, flesh-based subgenre that Cronenberg is seen as pioneering?

“For me, all my films are very fleshy,” he answers. “They’re also very funny. People have asked me when am I going to do a comedy, and I say, ‘I do nothing but.’ Still, you can imagine, what’s the most common thing you’re shooting in a movie? It’s the body. It’s the human face. So to me, all of my movies are concerned with the body, no matter what. I think A Dangerous Method was really very body-focused. Even though the bodies are often in a lot of clothes, there’s the way the clothes are meant in that era to shape the body, to hide the body, to represent seriousness because [for instance] you’re wearing a black coat.”

As for Maps—Cronenberg is a good with suspense even in interviews, it turns out, but he finally gives an answer —“I would say that Maps to the Stars really feels very much like me to me. It is also very much Bruce Wagner, who wrote the screenplay, but it’s taken me ten years to get that movie made, so I have to say that obviously there was a compulsion there for me to not let go of it. I tried several times to get it made, and I finally did. What more can I say? I really needed to make that movie.”

He adds: “And it’s certainly got some horrific scenes. Some of them are only horrific emotionally, mind you. I say, only. But there are a few pretty good body moments, too, I think you’ll find.”

Source - via

:, , , , , , ,

1 Commento per questo articolo

  • serena

    Very fleshy. Molto carnosi.
    Verissimo.

    Caro Papà Cronenberg, noi pure siamo molto interessate (tra le altre cose) al corpo di Robert.

    Vedi tu che cosa puoi fare :-)

Food Rations