Banner Cannes(2) 2014.jpg
RobertPattinsonMoms

Screenslam: On Robert Pattinson and his casting in Cosmopolis/ Screenslam: come Robert Pattinson è diventato il protagonista di Cosmopolis

by on mag.05, 2012, under Interviste

Screenslam wrote:
In Cosmopolis, Eric Packer is a selfish young member of the ruling class, at the top of the super-rich 1%. He is an anti-hero whose privileged reality is decadent and isolated. Casting Robert Pattinson in this unsympathetic role wasn’t obvious. Robert’s super-stardom perhaps gives him some insight to the pressures of success, but his pressures include the attention of a zealous fan base that might expect him in a different role. And he is younger than Eric Packer was envisioned, an age difference that influences the rest of the casting process. On the other hand, young billionaires and tech-savvy traders are not unusual in today’s society. Plus, casting Robert presents an opportunity to attract a new generation to David Cronenberg’s work.

Ultimately, the choice rested on Pattinson’s talent and experience, with or without celebrity. Cronenberg found Robert mature and willing to challenge himself: “…Rob is not deluded about his fame; he understands that popularity is not the essence of being a good actor, and recognizes the danger of taking projects to please others rather than himself.” Bringing the egomaniacal Eric Packer to life required Pattinson to forget being a sympathetic character.

Cronenberg observes, “Some actors worry about not being appealing or sensitive, but that was never an issue for Rob; it was always about finding the often unlikeable truth of who Eric is and what it means to be a 25-year-old billionaire…. Rob is incredibly likeable, but he doesn’t need to be liked.” So Eric Packer, a financial god, perhaps soulless but with feet of clay, is realized by the charismatic, modest Robert Pattinson.

Robert was surprised and excited by the Cosmopolis offer. He recounts receiving the screenplay about a year earlier and thinking it was “one of the most original scripts” he’d read. However, he doubted he’d get the part: “Then the offer came out of the blue and I was amazed!” Praising David’s consistently “thought-provoking” and innovative work, Robert says he was certain about taking the part; however, he admits, “I had no idea how I was going to play it…. I was scared at first, mainly because I could interpret the script and play it so many different ways….” He didn’t have much time with David before shooting, but he knew he was in good hands. His trust in the director, as well as David’s in Robert, was wellfounded. “I could feel David moulding it as we shot, and that made me really comfortable because it meant there was no specific right or wrong way. Eventually, I was very relaxed, especially for it being such an intense piece.”

Pattinson wanted a project that would take him to the edges of himself, and Cosmopolis provides the character to do it. Eric Parker is inscrutable and contradictory, both calculating and reckless. Robert had to find the emotional core of a man who is desensitized, a man who interprets the world in terms of numbers and acquisitions. Robert notes, “I think Eric has an all-consuming ego.” He lives an artificial existence, and Eric’s success seems a product of detachment and cold rationality. Yet his odd quest for a haircut is risky, irrational. He normally makes people come to him, including a physician for a daily exam, but he insists on seeing an old-fashioned barber on the opposite side of town, despite the risk to his personal safety.

Rob notes his character’s grasp of contemporary events, business and politics. Eric Packer’s knowledge of the world, however, comes primarily through technology, and he sees most things as mere information, “some kind of list or matrix,” Rob suggests, about which he is dispassionate. Rob describes Eric “Watching screens informing him of current data all the time. I think he ends up taking drastic measures just to feel something because he’s become so desensitized.” He knows, and somewhat owns, many people but seems to have no friends. Even his new wife feels distant, an acquisition, someone to use or ignore. He is the master of his cosmos, but is he lonely at the top? Does he care? The enigma of Eric’s character is central to the film, and his interaction with secondary characters both shapes that puzzle and perhaps gives clues to solving it.

***************************************************************************
- In Cosmopolis, Eric Packer è un egoista giovane membro della classe dominante, al vertice di quell’1% di super-ricchi. E ‘ un anti-eroe la cui privilegiata realtà è decadente e isolata. Che Robert Pattinson fosse arruolato in questo ruolo scomodo non era ovvio. La super-celebrità di Robert, probabilmente è un elemento per lui per comprendere per le pressioni di successo che subisce, ma le sue pressioni includono l’attenzione di un fan base zelanti che potrebbero aspettarsi da lui un ruolo diverso. E lui è più giovane di Eric Packer è stato concepito (nel libro), una differenza di età che ha influenzato il resto del processo di ricerca degli attori per il film. D’altra parte, i giovani miliardari e e i tecnologi operatori commerciali non sono inusuali nella società di oggi. Inoltre, avere Robert nel cast rappresenta un’opportunità per attirare una nuova generazione al lavoro di David Cronenberg.

In definitiva, la scelta si è basata sul talento di Pattinson e sulla sua sperienza, con o senza celebrità. Cronenberg ha trovato un Robert maturo e pronto a sfidare se stesso: “… Rob non è deluso della sua fama, egli capisce che la popolarità non è l’essenza per essere un bravo attore, e riconosce quale è il rischio di partecipare a progetti per piacere agli altri piuttosto che a se stesso.” Portare sullo schermo l’egomaniaco Eric Packer richiede per Pattinson di dimenticare di essere un personaggio simpatico.

Cronenberg osserva: “Alcuni attori si preoccupano di non essere attraenti o di non apparire sensibili, ma questo non è mai stato un problema per Rob, il problema al centro del suo lavoro era scavare nella verità spesso sgradevole di Eric, ovvero che cosa significa essere un venticinquenne miliardario … . Rob è incredibilmente simpatico, ma lui non ha bisogno di essere amato. ” CosìEric Packer, un dio della finanza, forse senz’anima ma con i piedi d’argilla, viene interpretaro dal carismatico, ma umile Robert Pattinson.

Robert è stato sorpreso ed emozionato dall’offerta Cosmopolis. Racconta di avere ricevuto la sceneggiatura un anno prima e che aveva pensato che fosse “uno degli script più originali” che avesse letto. Tuttavia, dubitava di poter ottenere la parte: ” All’epoca l’offerta è venuta fuori dal nulla e mi ha stupito” Lodando il lavoro in modo coerente “che fa pensare” e innovativo di David, Robert dice che era sicuro di volere la parte, tuttavia, ammette, “non avevo idea di come interpretarlo …. Avevo paura in un primo momento, soprattutto perché si poteva interpretare il copione e interpretarlo in così tanti modi diversi …. ” Pattinson Non ha avuto molto tempo con David prima di girare, ma sapeva di essere in buone mani. La sua fiducia nel regista, così come quella di David in Robert, è stato benfondata. ” Potevo avere la reazione pensosa di David mentre giravamo, e che mi ha confortato perché significava che non c’era un modo specifico giusto o sbagliato di interpretarlo. Alla fine, ero molto rilassato, soprattutto se si considera che è un’opera così intensa “.

Pattinson ha voluto un progetto che lo avrebbe portato a sfidare i suoi limiti, e Cosmopolis fornisce il personaggio per farlo. Eric Parker è imperscrutabile e contraddittorio, allo stesso tempo calcolatore e spericolato. Robert ha dovuto trovare il nucleo emotivo di un uomo che è desensibilizzato, un uomo che interpreta il mondo in termini di numeri e acquisizioni. Robert nota, “Penso che Eric abbia un Ego che tutto consuma .” Vive un’esistenza artificiale, e il successo di Eric sembra un prodotto di distacco e fredda razionalità. Eppure la sua ricerca strana per andarsi a tagliare i capelli è rischiosa, irrazionale. Egli di solitofa si che la gente vada da lui, tra cui un medico che lo esamina tutti i giorni, ma lui insiste nel vedere un vecchio barbiere al lato opposto della città, nonostante il rischio per la sua sicurezza personale”.

Rob sottolinea gli eventi che accadono intorno al suo personaggio di affari e politica. La conoscenza del mondo che ha Eric Packer , tuttavia, viene in primo luogo attraverso la sua conoscenza della tecnologia, e vede la maggior parte delle cose come pura informazione “, una sorta di elenco o matrice,” Rob suggerisce, di cui egli è spassionato. Rob descrive Eric: ” guarda continuamente degli schermi che lo informano dei dati finanziari. Credo che finisca per prendere drastiche misure solo per sentire qualcosa perché è diventato così insensibile. ”
Lui sa, lui persino possiede (in più sensi) molte persone, ma sembra non avere amici. Anche la sua nuova moglie si sente distante, un’acquisizione, una persona da usare o ignorare. Egli è il padrone dei suoi universi, ma lui si sente da solo in cima? Si preoccupa? L’enigma del personaggio di Eric è al centro del film, e la sua interazione con i personaggi secondari sono gli altri elementi di questo enigma e probabilmente forniscono indizi per risolverlo.

source via Thinking of Rob


3 Commenti per questo articolo

  • becauseofrob

    WOW! Bellissima analisi, molto illuminante!

  • grizabella

    Verissimo , Because Darling .
    Sono davvero colpita dalla lucidità di pensiero di Robert , dalla sua perspicacia .
    ” Penso che Eric possieda un Ego che tutto consuma “… non avrebbe potuto definirlo meglio .

  • Consu

    Veramente, una bellissima analisi del personaggio. Che bel mestiere deve essere l’attore se fatto seriamente e avendo un talento come quello di Rob.

Food Rations