Banner Cannes(2) 2014.jpg
RobertPattinsonMoms

Robert Pattinson: l’idolo delle donne (Bel Amì)-Ciak Magazine Italy (Aprile 2012) (and English translation)

by on mar.30, 2012, under Interviste


CLICK ON IMAGES TO ENLARGE
CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

 under the photo the author of the article says: After Twilight there is rumor that he will be one of the protagonists of Maximum Ride movie

 sotto la foto l’autrice dell’articolo scrive: dopo la fine di Twilight si parla di lui come uno dei protagonisti di Maximum Ride

da Stephenie Meyer a Guy De Maupassant il passo non è poi così lungo. Robert Pattinson resta un vampiro. Ma se nella saga di Twilight è un vero gentiluomo, capace di sacrificare per amore i propri istinti predatori, in Bel Amì, in uscita il 13 aprile, è scaltro, ambizioso e manipolatore, capace di nutrirsi di donne per farsi strada nel mondo che conta. Le sue labbra sono ancora rosso sangue e continuano a fremere fameliche. Insaziabile playboy a sangue freddo, toy boy ante litteram, il Georges Duroy di De Maupassant è un campione di venalità. Pattinson, secondi i registi Declan Donnellan e Nick Ormerod, alla loro prima esperienza cinemaografica e dopo una carriera in teatro,l’avrebbe afferrata e fatta sua. E’ lui la chiave del film. “Non avevo idea della profondità del vostro vuoto” gli viene detto nel film. Qualcuno ha malignamente letto la battuta come una involontaria allusione all’interpretazione di Pattinson. Al suo fascino tuttavia C.Ricci, U.Thurman, K Scott Thomas e la giovanissima Hollyday Grainger che cinque anni fa aveva già incontrato il tenebroso Robert sul set del tv movie The Bad Mother’s Handbook. Questa volta la condurrrà all’altare in una scena che non potrà non ricordare ai fans della saga le tanto attese nozze con Bella.
Capelli rasati da marine (“il ciuffo mi dava fastidio mentre correvo”, lui ha detto), la star di Twilight non nasconde che in passato anche lui era pronto a tutto per il successo. “Ho letto la sceneggiatura qualche anno fa, allora io ero molto giovane e mi sentivo più vicino a Georges, io comprendevo e giustificavo la sua rabbiosa urgenza di scrollarsi da dosso la povertà, l’anonimato e di emergere a qualunque costo in un mondo dove soldi e potere sono tutto.Oggi io sono cambiato e io vedo lui come un uomo che agisce solo per egoismo, opportunismo e invidia. Lui rinnega la sua amiglia, non è disposto ad accettare chi dalla vita ha più di lui, considera il successo altrui come un insulto alla propria persona. Io non sono affatto così. Ma io non credo che mi ricapiterà un personaggio del genere: spesso il cinema cerca di impartire lezioni morali, invece Georges è incorreggibile e senza la minima speranza di redenzione.”
Girato a Budapest (e a Londra e dintorni, ma l’autrice dell’articolo non lo scrive), prodotto da Uberto Pasolini e distribuito in Italia da Rai Cinema (01 distribution). il film, presentato fuori concorso all’ultimo festival del cinema di Berlino, è il racconto, ironico e crudele di una scalata sociale nella Parigi dell’ottocento dove un governo corrotto, sostenuto da una stampa corrotta copre le malefatte della politica corrotta.
in questo contesto il vero talento sta nel raggiungere la cima senza possesere un vero talento, il sesso è potere e la celebrità è un’ossessione. Non è un caso che il feroce romanzo di De Maupassant sia un classico adattabile a tutte le stagioni. E se Duroy fosse vivo oggi? “lui troverebbe altre strade per soddisfare la sua ambizione. Probabilmente parteciperebbe ad un reality show dove sarebbe pronto a fare qualunque cosa pur di farsi notare. Oggi tanti giovani sono proprio come lui” (dice Pattinson).
Inseguito dalle fans disposte a sfidare il gelo di Berlino, Pattinson si prepara , dopo le sue non esaltanti prove al botteghino di Remember me e Come l’acqua per gli Elefanti alla sua difficile carriera post vampiro che lo vedrà, probabilmente al prossimo Festival di Cannes, nel niovo film di David Cronemberg, Cosmopolis, tratto da Don DeLillo. “Con Twilight si è chiusa un’epoca nella mia carriera. Certo se la Meyer scrivesse un altro libro e se ne facesse un adattamento cinematografico vorrei leggere la sceneggiatura, ma probabilmente sarei troppo vecchio per il ruolo di Edward.Ho il dovere di crescere, di andare avanti e spero che le mie fans, alle quali io devo tanto , mi seguano in storie diverse, più adulte.”.Staremo a vedere.

**************************************************************************************
From Stephenie Meyer to Guy De Maupassant the road is not so long. Robert Pattinson is a vampire. But if in the Twilight saga he is a true gentleman, capable of sacrificing his predatory instincts for love , in Bel Ami, out April 13 (in Italy), is shrewd, ambitious and manipulative, capable of feeding on women to get ahead in the world that counts . His lips are still red with blood and he continues to be thrill hungry. Insatiable playboy, cold-blooded, toy boy ante litteram (Before time), Georges Duroy by De Maupassant is a sample of venality. According to Declan Donnellan and Nick Ormerod at their first movie experience and after a career in theater, Pattinson grab it and made ​​it his own. And ‘He is the key of the film. “I had no idea of ​​the depth of your vacuum” is told to him in the film. Someone viciously read thi line in the movie as an unintentional allusion to the interpretation of Pattinson. In its appeal fall, however, C.Ricci, U.Thurman, K Scott Thomas and the young Holliday Grainger that five years ago had already met Robert on the set of The Bad Mother’s Handbook TV movie . This time he will carry her to the altar in a scene that can not fail to remind fans of the saga of the long-awaited marriage to Bella. Shaved as a Marine soldier (“the hair bothered me while I was running,” he said), the star of Twilight does not hide that, in the past, he himself was ready to do anything for success. “I read the script a few years ago, so I was very young and I felt closer to Georges, I understood and I justified his angry urgency to shake off poverty, anonymity and emerge at any cost in a world where money and power are everything. Now I have changed and I see him as a man who acts only out of selfishness, opportunism, and envy. he denies his family ,he is not willing to accept who has more in his life than he has, the success of others as an insult to his person. I am not like him at all. But I do not think I will get a character like this in the future: often movies try to impart moral lessons, but Georges is incorrigible and without any hope of redemption. ”
Shot in Budapest (and in and around London, but the author of the article does not say it), produced by Uberto Pasolini and distributed in Italy by RAI Cinema (01 Distribution). The film, shown out of competition at the Berlin Film Festival, is the story of an ironic and cruel social climbing in the nineteenth century Paris, where a corrupt government, supported by a corrupt press covers the misdeeds of corrupt politics.
In this context, the real talent lies in reaching the top without possessing a real talent, sex is power and celebrity is obsession. It is no coincidence that the fierce De Maupassant’s novel is a classic adapted to all seasons. And if Duroy were alive today? “He would find other ways to satisfy his ambition. He probably participate in a reality show where he would be willing to do anything to get noticed. Today many young people are just like him.” (said Pattinson)
Pursued by fans willing to defy the cold of Berlin, Pattinson is getting ready, after his not exciting box offices Remember Me and Water for Elephants his difficult post vampire career who will see him, probably at the next Cannes Film Festival, in the new David Cronemberg’s movie, Cosmopolis, adapted from Don DeLillo. “With (the end of Twilight) ended an era in my career. Certainly, if Meyer wrote another book and a film adaptation I would read the script, but I would probably be too old for the role of Edward. I have to grow up, to go forward and I hope that my fans, to whom I owe so much, will follow me in different, more mature stories.”. We’ll see.

:, , , , , , , ,

11 Commenti per questo articolo

  • grizabella

    Io questa redattrice la detesto con tutto il cuore , e tutta l’anima .
    E’ , probabilmente , pure peggio di mr.Hater ……
    perchè quell’altro è talmente cristallino nel suo odio , che alla fine lo compatisci , quasi .
    Mentre questa è talmente subdola , che quando ti accorgi delle sue parole velenose vorresti solo farle cadere una quindicina di denti con un colpo ben assestato .
    …..
    Non ho più acquistato Ciak , nè altro .
    La faccenda , per ciò che mi riguarda , sta assumendo toni curiosi : mi domando se costei , così come quell’altro e quell’altro ancora , saranno da inserire nel gruppo di chi ” se non ha cambiato idea su Pattinson , dopo il Teaser di cosmopolis , vuol dire che mai la cambierà ”
    Attendiamo ulteriori sviluppi

  • Fiammy

    E’ più subdola, e non aveva tanta voglia di scriverlo l’articolo: ci sono inesattezze qua e là. (non le ho sottolineate tutte ma ce ne sono diverse) ha riciclato, come tanti, le dichiarazioni di Rob durante la conferenza stampa di Berlino. Sulla nota, non so che dire, perchè non mi è chiaro se maximum ride ERA un vecchio rumor che lei ha riciclato (un pò come tutto l’articolo) o è un rumor ORA. Non so che dire, ma la rivedremo per Cosmo, per il quale dirà sicuramente che “nonostante” Pattinson il film è un bel film di Cronemberg…. Si, hai ragione Griza. (;__;)

  • ellevi

    Vi quoto, Donne!!
    Quanto a Maximum ride …. mah … di solito non ci sfuggono nè rumors nè notizie vere …

  • pattz@

    prima di leggere il tuo commento Griza…ho pensato subito: ma quanto è subdola questa!
    Ciak sono anni che non lo compro più…robaccia!

  • becauseofrob

    Io invece, mi sto rendendo conto che per anni, ho buttato via un sacco di soldi in riviste inutili, e piene di cose inventate. Non pensavo che la realta’ fosse questa.

  • miledi

    Solo subdola? Siete state troppo gentili nei confronti della signora.

  • grizabella

    Avrei una domanda dell’ultim’ora , da porre a tutte voi , splendide fanciulle ( ed ottime segugie ).
    …… Ed , alla fine , ho acquistato il nuovo numero di Ciak …. come dire che – in fondo – non sono migliore della signora sopraccitata o del Mereghetti , e compagnia cantante : loro le stronzate le scrivono ed io le compro .
    Sarà per via della Detassis , o della satira di Disegni( caustica , spesso impietosa , ma divertente ), oppure perchè Griza Jr .ama questa rivista e me la chiede ….. Comunque sia , io e quelli della redazione siamo pari e patta ( ! ).
    Ho divagato ( … ma dai ! ? ! ).
    Passo senz’altro alla domanda : sfogliando – per l’appunto – il nuovo numero , mi imbatto in un trafiletto che delinea brevissimamente ” Anna Karenina ” , l’ultimo lavoro di Joe Wright ( ” Orgoglio e Pregiudizio ” , ” Espiazione ” , ” Hanna ” ).
    Interpreti principali : la prediletta Keira Knightely ( Anna ) , Jude Law ( Karenin )ed Aaron Johnson il quale , rivestendo i panni di ” ( cit. )…Un amante affascinante e superficiale ” – che sarebbe poi il conte Vronskij …se non ricordo male il racconto , che lessi parecchio tempo fa – AVREBBE AVUTO LA MEGLIO SU ROBERT PATTINSON ( ??? ! ??? ).
    Ne sapevate qualcosa ?
    Io , no !
    E , soprattutto : perchè inserire così , quasi per caso , una nota assolutamente gratuita , che NULLA aggiunge nè alla sponsorizzazione del film nè al film ? ( …Voglio dire : ma a chi importa sapere chi ha avuto la meglio su chi , nel Casting , a meno che non vi fosse un concorso del tipo ” Vota – chi – preferiresti ” ??? Nemmeno sapevo del film , fino ad ora ,figuriamoci di chi era in lizza …)
    Ed infine : quanto può essere credibile questa nota – caduta così , quasi per caso – ?
    Robert Pattinson che si propone come possibile candidato per un ruolo di AMANTE AFFASCINANTE , seppure superficiale , con tutta la fatica che sta facendo per liberarsi da QUEL tipo di clichèt ………… Ma andiamo !!!
    Magari tutto ciò risponde a verità : magari sarà stato un ruolo a lui proposto due o tre anni fa .
    Ora come ora , la trovo una faccenda opinabile . Surreale , piuttosto .

  • grizabella

    …….
    E comunque :
    Non me ne voglia il regista Wright ( che manco sa della mia esistenza , per cui … ) , non me ne voglia l’attore Aaron Johnson ( che conosco , ho visto recitare e mi è piaciuto … ) , me ne voglia un pochino l’autrice dello striminzito e superficiale trafiletto … – Si ,superficiale ,come il conte
    Vronskij ( leggeteli … leggeteli un pò di più , i Grandi Classici , o voi che usate carta e penna per guadagnarvi il pane , dannazione ! ) , liquidato nel testo come ” un amante affascinante ” .
    Ma io Robert Pattinson l’avrei visto ASSAI MEGLIO di Aaron Johnson in questo ruolo .
    Anche se non glielo avrei augurato , conoscendo molto bene i suoi obiettivi .

  • Fiammy

    non corrisponde a verità.(Pattinson non era in lizza per una parte in Anna Karenina). Chiedendo intanto ieri ad una collega che segue Pattinson dal 2008, lei mi ha spiegato che la vicenda di Maximum Ride è a sua volta vecchia, molto vecchia. A Ciak non sono evidentemente aggiornatissimi su Rob, temo. E hanno avuto un rapporto molto altalenante verso di lui. da WFE in poi votato al negativo…

  • grizabella

    Grazie , Diletta Fiammy … lo immaginavo .
    Non capisco , però , il ” cambio di rotta ” nei suoi confronti avvenuto dopo WFE …..
    La sceneggiatura poteva anche non piacere ( ed , in effetti , era piuttosto debole rapportata al libro ): ma Robert , essendo in scena fin dall’inizio MA avendo ad occhio e croce QUATTRO BATTUTE per delineare il suo personaggio , si è condotto benissimo .
    A mio parere .

  • Fiammy

    Cara Griza, io ho notato questo, dopo che Ciak ha dedicato una copertina e un articolo molto lungo, l’anno scorso a WFE come per magia la loro sostanzialmente “apertura” e “fiducia” verso Rob è andata sfumando, in modo anche a tratti un pò “cattivo”…(una brutta battuta della Detassis proprio su quella copertina, qualche mese dopo). Nel tentativo di inseguire un pubblico più “di nicchia” ma che loro vorrebbero neanche tanto velatamene “educare a scoprire il buon cinema” hanno cambiato idea verso Rob e diventati (anche all’eccesso) ipercritici. (Come se si fossero aspettati da WFE una trasformazione in un Di Caprio adulto). Più semplicemente c’è una crisi editoriale molto forte e le riviste cercano di pescare pubblico dove possono. Ma in tutto questo Rob c’è sempre sul loro giornale (ma stavolta non ha lo strillo in copertina). Al grido di parlatene bene, parlatene male purchè se ne parli… perchè aiuta a vendere comunque….

3 Trackbacks / Pingbacks for this entry

Food Rations